martedì 19 giugno 2012

Il mistero dei piedi

Giosuè, su ordine del capo dell'esercito
del Signore, si mette a piedi nudi. Perchè?
Era da un bel po' che non capitava, direi dai primi capitoli dell'Esodo. Finalmente il Libro di Giosuè torna a regalarci n passaggio indecifrabile e inquietante, di quelli che farebbero impazzire Roberto Giacobbo.
Siamo al capitolo 5 quando Giosuè, ormai vicino a Gerico, fa un incontro inatteso.
"Vide di fronte a sé un uomo con la spada in pugno. Gli andò incontro e gli domandò: Sei dei nostri oppure un nemico? Egli rispose: Né uno dei vostri né un nemico. Sono il capo dell'esercito del Signore, e ora vengo ad aiutarti".
Giosuè gli crede sulla parola, e si prostra immediatamente con il volto a terra.
Mettiamoci nei suoi panni, del resto: arriva un tizio aitante ed armato, dice di essere mandato da un Signore che si è mostrato spesso e volentieri temibile e vendicativo. Nel dubbio, meglio mostrarsi subito accondiscendenti. E poi, visto che Dio stesso ha ordinato di conquistare Gerico e la Terra Promessa, magari il suo guerriero può svelare la strategia militare che porterà alla vittoria...
"Quali sono i tuoi ordini?", chiede speranzoso Giosuè.
Ecco, ci siamo: il generale dell'armata divina è pronto a guidare l'avanzata decisiva.
"Il capo dell'esercito del Signore rispose: Togliti i sandali dai piedi perché questo luogo è sacro".
Non so voi, ma io probabilmente, con tutta la deferenza del caso, a questo punto avrei chiesto: "Va bene, generale... e poi? Non aveva detto, eminentissimo comandante, che veniva per aiutarmi?"
Giosuè, invece, preferisce obbedire senza chiedere alcunché.
"E così fece Giosuè".
Punto.
Il passo biblico termina così, con il condottiero d'Israele a piedi scalzi alle porte di Gerico.
Resta un interrogativo irrisolto e lacerante. Perché?
Che i suoi piedi fossero particolarmente puzzolenti, e potessero essere usati come arma batteriologica contro gli abitanti della città da assediare? O forse i piedi nudi avrebbero conferito maggior presa nella scalata delle mura di Gerico durante l'assalto? O ancora, il dolore provocato dai sassi appuntiti sotto i piedi avrebbe costretto Giosuè a muoversi in maniera veloce e scattosa, aiutandolo ad evitare le frecce scagliate dalle sentinelle di Gerico?
In mancanza di indicazioni esplicite dell'autore biblico, mi appello a voi attraverso il sondaggio (colonna a destra dello schermo, sotto la foto di Totò) Grazie a chi vorrà dare il suo contributo con un clic.

8 commenti:

  1. Uh come mi hai fatto ridere!
    Mi ci voleva proprio :)
    Vado a votare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pimpa! Bacissimi a tutta l'allegra brigata

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ipotesi affascinante, Scarlett... Vedi mai che l'arte ninja magari è nata in Palestina prima ancora che in Giappone? Giacobbo ci potrebbe fare ben più di una puntata!

      Elimina
  3. L'ultimo pezzo del tuo post mi ha fatto morire :D
    Corro a votare (io sono per l'ipotesi arma battereologica)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale! Non voglio influenzare il voto, ma anch'io, nel dubbio, mi sarei turato il naso passando da quelle parti...

      Elimina
  4. Questa di togliersi i sandali era un vero tormentone divino, secondo me. Non fece lo stesso Mosè davanti al roveto ardente??? :)
    vado a votare anche io :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Puffola. Se fosse per i gusti del Signore, Footlocker non avrebbe mai aperto...

      Elimina

Di' la tua!